Sito web di notizie tecnologiche e videogames.

Telegram lancia la propria valuta digitale

Telegram - CC0
6

Le criptovalute non sono solo di moda, a confermarlo sono sempre più aziende di sempre maggiore rilievo, che adottandole ne sostengono lo sviluppo permettendo di svelarne le potenzialità.

Tra queste rientra Telegram, la quale ha recentemente annunciato che si lancerà anch’essa nel mercato con una propria blockchain: Telegram Open Network (TON).

La più grande ICO di sempre

Telegram ha annunciato che a breve lancerà la propria ICO, con un obiettivo inaudito: 1,2 miliardi di dollari. Certo è una somma che lascia senza parole, soprattutto se pensiamo che, dati alla mano, lo scorso anno ne sono stati raccolti in totale 4. Tranquilli, c’è il trucco anche qui. Non è mica stupida Telegram, anzi!

Telegram lancia la propria valuta digitale
Telegram – CC0

Degli 1,2 miliardi il 52% viene mantenuto dalla compagnia. Perché? Per regolamentare il mercato, infatti questa manovra limiterebbe la formazione di fenomeni come il pump & dump. Mossa molto astuta, poco da dire. Inoltre un altro 4% spetta ai team della società. Morale della favola, “Solamente” il 44% apparterrà al pubblico individuale. Il che vuol dire che degli 1,2 miliardi ne verranno raccolti circa di 600 milioni dagli investitori. Certo si tratta comunque della più grande ICO di tutti i tempi!

Eppure 600 milioni sono una gran bella cifra, ed è vero, ma è anche vero che Telegram conta di ben 180 milioni di utenti. Ecco che le cose si ribaltano: se di tutti questi solo un terzo possedesse soli 10 dollari, allora l’ICO sarebbe bello che fatto.

La nuova blockchain

La novità finora più rivoluzionaria proposta dal progetto è certamente la Telegram Open Network (TON). Si tratta di una rete decentralizzata, che permette di trasferire, oltre che unità di valuta, anche messaggi, file e smart contracts. Sarebbe una vera e propria novità, questa, perché ci si troverebbe di fronte ad una piattaforma trustless anche per quanto riguarda il trasferimento di messaggi, oltreché di denaro.

Telegram lancia la propria valuta digitale
Blockchain – CC0

Ma in fondo era una mossa abbastanza prevedibile dato che Telegram da sempre ha puntato ad offrire un’elevata privacy.

La roadmap

Bene, parliamo ora di tempi. Per farlo utilizzeremo la roadmap pubblicata da Telegram stessa. Una roadmap, per chi non lo sapesse, non è altro che una linea di tempo che contrassegna i tempi entro i quali ci si aspetta di introdurre per esempio nuove funzionalità. Se lo sviluppo di TON è cominciato a metà 2017, quest’anno assisteremo al lancio delle prime versioni, al collaudo ed al suo perfezionamento.

Nell’ultimo periodo del 2018 assisteremo invece al lancio del Telegram Wallet. Per poter far parte di un’economia basata sulla rete TON bisognerà aspettare tuttavia il 2019. Manca molto tempo ad allora, ma ci troviamo difronte ad una vera e propria rivoluzione.

Rivoluzione che non sta coinvolgendo solo l’applicazione di messaggistica istantanea russa, ma anche molti altri ambiti tipici di tutti i giorni.

Il Whitepaper:

Segue quindi il whitepaper del progetto.

TON-ilovepdf-compressed

Conclusioni:

L’ICO della nuova valuta basata su TON comincerà questo Marzo. Certamente questo è un progetto che – analisi fondamentale alla mano – promette molto bene, e che convince. Non resta quindi che aspettare ora, in attesa di novità.

Commenti