Sito web di notizie tecnologiche e videogames.

Hold, l’app che paga per non usare lo smartphone

iphon.fr
79

Da un’idea di un gruppo di studenti norvegesi arriva Hold, l’applicazione che premia gli studenti che ignorano lo smartphone. Che sia la soluzione alle distrazioni durante le lezioni?

Hold, essere premiati per non distrarsi durante le lezioni

Immagino l’accordo unanime sul fatto che siamo tutti troppo attaccati allo smartphone. Sempre a controllare la casella email, le notifiche dei numerosi social, per non parlare del tempo passato a chattare. Tutto questo porta ad effetti negativi: la University of Texas ha stabilito che concentrarsi esageratamente sul proprio device ignorando quello che ci circonda porta ad una riduzione della produttività e ad una minore velocità di reazione agli stimoli esterni.

Qualcuno però sembra aver pensato ad una soluzione alla dipendenza da smartphone. Un gruppo di universitari norvegesi ha creato un’app che ti premia per il tempo passato lontano dal cellulare, chiamata Hold. Accolta con entusiasmo, è stata resa disponibile lungo tutto il territorio britannico, sponsorizzata da Vue Enterteinment, brand cinematografico. Più tempo si passa lontano dallo smartphone, più punti si guadagnano. I punti accumulati permettono di ottenere sconti per biglietti del cinema oppure per popcorn gratis (nel caso specifico del brand inglese).

Hold, l'app che paga per non usare lo smartphone
elPais

Ma come funziona l’applicazione? Semplice: lo studente guadagna punti per ogni 20 minuti senza controllare il cellulare, tra le 7 e le 23 (le ore notturne non valgono!). Naturalmente i premi non riguardano solo il cinema, ma dipendono da i diversi sponsor che si collegano al progetto.

Il tutto è stato ideato per evitare che gli studenti si distraggano durante le proprie attività scolastiche, e soprattutto per la buona causa perseguita ha ricevuto ingenti finanziamenti per il suo sviluppo.

L’app è disponibile per iOS e Android, scaricabile in Italia ma non ancora attiva. Dato il successo raggiunto e l’idea di espandere il servizio il più possibile, Hold dovrebbe arrivare prima o poi anche da noi.

via Standard
Commenti