Sito web di notizie tecnologiche e videogames.

La nuova strategia di Google nella guerra ad iPhone

0

 

Nella giornata di giovedì Google ha annunciato l’assunzione di specifici dipendenti dell’azienda taiwanese HTC per la somma di 1.1 miliardi di dollari. Scopo della manovra è il potenziamento di Pixel, avversario diretto di iPhone.

Google vuole raggiungere Apple e Samsung

Nonostante l’azienda californiana abbia il pieno controllo su Android installato in circa 2 miliardi di dispositivi, non ha influenza sugli smartphone creati dalle altre aziende. Guardando il panorama del mondo smartphone è chiara la netta divisone fra Apple e Samsung. Secondo i dati forniti da International Data Corporation gli iPhone rappresentano il 12% delle spedizioni globali, mentre i Samsung raggiungono il 23%. La percentuale per gli smartphone targati Google è talmente bassa che viene catalogata in “altro”.

La strategia attutata da Big G permetterà all’azienda di Mountain View un maggiore controllo sulla produzione hardware e di conseguenza sull’intero dispositivo. Apple è sicuramente l’esempio lampante: per ogni prodotto si occupa sia dell’hardware, sia del software. Grazie a ciò, è possibile creare software che sfruttino a pieno i vantaggi dell’hardware, come nel caso della modalità Ritratto di iPhone. Questa feature della fotocamera Apple utilizza il sistema a doppia fotocamera presente su iPhone 7 Plus e sul nuovo iPhone 8 Plus, permettendo un’alta profondità nella cattura della foto.

Made by Google, la rivoluzione è già iniziata

Rick Osterloh, capo hardware dell’azienda, l’anno scorso dichiarò che mettere mano direttamente all’hardware di Pixel permetterà all’azienda di sfruttare appieno le funzionalità di Google Assistant. È proprio questo il fine che Google vorrebbe raggiungere per i tutti i dispositivi. È l’ultimo step che manca per raggiungere quel grado di autonomia già raggiunta ed acquisita negli anni da Apple e Samsung. L’azienda pare aver recepito la necessità, lo dimostra ol lancio nello scorso anno di “Made by Google“, una linea di prodotti creati direttamente a Mountain View, inclusi Pixel e lo smart speaker G Home.

La nuova strategia di Google nella guerra ad iPhone
Fonte: Google

 

Questa novità è chiaramente il segnale che qualcosa in casa Google iniziava a smuoversi. Pare ormai terminato il periodo in cui l’azienda esternalizzava gran parte della progettazione e produzione ad aziende terze, come LG nel caso di Nexus. Assumere dipendenti HTC potrebbe essere l’inizio del salto di qualità ambito da Google.

L’annuncio dell’acquisizione dei dipendenti esterni è arrivata una settimana dopo la conferenza Apple, quasi per mantenere alto l’hype per l’uscita del nuovo Pixel. Big G è fiduciosa sulla propria strategia, per arrivare finalmente ad inserirsi nell’infinita gara tra i colossi Apple e Samsung.

 

Fonte: TIME

Commenti