Sito web di notizie tecnologiche e videogames.

Google Pay, un nuovo metodo di pagamento

The Verge
29

Dalla seconda metà dello scorso anno si è parlato di due nuovi metodi di pagamento, Android Pay e Google Pay, ma ora siamo arrivati ad un passo decisivo del loro futuro.

Google Pay, pagare con un click

Come discusso già nei mesi scorsi, Google sta unendo i propri metodi di pagamento sotto un unico brand, quello di Google Pay. Su Android, tuttavia, l’applicazione dedicata Android Pay continuerà ad esistere. Con il lancio di Google Pay su Android però, la situazione potrebbe cambiare. Google con l’ultimo update di Android Pay, ha aggiunto nuove funzionalità per estendere il più possibile l’utilizzo dell’app, sia nei negozi fisici che online. Inoltre Big G sta rivoluzionando la propria app Google Wallet, utilizzata per inviare e richiedere denaro, che sarà rinominata Google Pay Send (già utilizzabile in USA e UK).

Google Pay, un nuovo metodo di pagamento
Tech Crunch

Ad una prima occhiata, la nuova app progettata dall’azienda di Mountain View sembra essere semplicemente una ristrutturazione di Android Pay, con un pizzico di quel material design tipico di Google. In termini di funzionalità invece, non c’è nulla di nuovo. Il cambiamento maggiore sarà la home di Google Pay, in grado di mostrare i negozi nelle vicinanze che accettano questo metodo i pagamento. La lista dei negozi è personalizzabile, in base a quelli visitati o anche in base alla propria posizione. In più, nella home saranno elencati gli acquisti recenti effettuati, oltre che alle proprie carte fedeltà.

Google Pay, un nuovo metodo di pagamento
Tech Crunch

L’idea di Google è di semplificare il più possibile le procedure di pagamento. L’app è facilemente collegabile a conti bancari, questo significa che anche dall’applicazione della propria banca è possibile autorizzare Google Pay. Una volta proceduto sarà possibile acquistare online e nel mondo reale. Allo stesso modo, se un sito supporta Google Pay, allo sviluppatore basterà verificare tramite una chiamata API se l’utente ha abilitato il metodo di pagamento in questione per procedere alla vendita. Si tratta di un API molto basilare per implementare Google Pay, per garantire facilità di utilizzo da ambo i lati.

Non è ancora disponibile nel nostro paese, ma visto l’entusiasmo ed il successo iniziale crediamo che non tarderà ad arrivare anche da noi.

via Tech Crunch
Commenti