Sito web di notizie tecnologiche e videogames.

I migliori smartphone per lavorare tra Android e iOS

80

I migliori smartphone per lavorare tra Andorid e Ios

Oggi lo smartphone è uno strumento da cui non è possibile separarsi. Tra messaggi, e-mail e social, il cellulare di ultima generazione è diventato il sistema di comunicazione più usato da tutti.
I giovani lo utilizzano per lo studio e lo svago, e coloro che svolgono una professione non possono più farne a meno.
Certo ciascuno ha le sue esigenze e quello che va bene per uno può non essere soddisfacente per un altro. Vediamo allora le caratteristiche indispensabili per uno “smartphone da lavoro” e alcuni dei migliori modelli attualmente in circolazione.

Le caratteristiche indispensabili per uno smartphone

La prima caratteristica di uno smartphone è un display grande e ad alta risoluzione. Poi deve avere un sistema operativo che supporti tutte le ultime app sviluppate ed un hardware adeguato, e infine almeno 4 GB di Ram e 64GB di memoria interna.

Quanto ai Sistemi Operativi, cioè Android o iOS, sono entrambi ottimali per un uso intensivo, quindi la scelta dipende semplicemente dalle preferenze e abitudini personali. Per il resto la regola fondamentale è affidarsi a prodotti recenti e di buona qualità, anche perché oggi online, sui siti web di operatori come Vodafone, si trovano diverse offerte di smartphone con partita iva dedicate proprio al mondo del lavoro. Diamo ora un’occhiata ai modelli più in voga.

I migliori smartphone per lavorare tra Android e iOS

Samsung Galaxy Note 8

Il display è sicuramente il punto di forza del Samsung Galaxy Note 8: con una dimensione di 6,3” risulta eccezionale in qualsiasi condizione di luminosità, anche grazie all’elevata definizione da 552 ppi e un rapporto di 18,5/9.
Al suo interno monta l’ottimo processore dell’S8 e la RAM è di 6 GB, con una memoria da 64 GB espandibile con scheda SD. L’OS è Android 7.1.1, ma il vero elemento di vantaggio rispetto ai suoi avversari è la S-pen che rende unico questo smartphone, insieme alla possibilità, grazie al DeX, di farlo diventare un vero e proprio computer fisso aggiungendo solamente mouse e tastiera.
La bella notizia infine, almeno per chi è disposto ad aspettare, è che è prevista a breve l’uscita del nuovo modello Galaxy Note 9.

Huawei Mate 10 pro e P20 pro

L’Huawei Mate 10 pro presenta una linea più ergonomica delle versioni precedenti. Il comparto fotografico è composto da due obiettivi con laser autofocus e led flash. La posizione del lettore di impronte è molto comoda e raggiungibile con una sola mano, al suo interno troviamo due processori per separare le funzioni “dati” da quelle “grafiche” e sfruttare meglio la predisposizione alla AI. La RAM è 6 GB con 128 GB di memoria.

Il P20 pro invece monta tre fotocamere, è resistente all’acqua e alla polvere secondo lo standard IP67, e al suo interno troviamo il processore Kirin 970 octa core da 2,4 Ghz e 6 GB di RAM con 128 GB di memoria. L’ampio display da 6,1” Amoled è un full-HD+ 2240 x 1080.

iPhone X

Per prima cosa va detta che la funzione FaceID del nuovo iPhone X è eccezionale, grazie al lavoro del dot projector che proietta sul nostro volto più di 30.000 punti infrarossi. Il tasto home è stato sostituito dalle nuove funzioni di navigazione e cambia anche il rapporto del nuovo display che appare più lungo e diventa 19.49/9. Il monitor è un OLED Super Retina HD, da 5,8” di diagonale e 2436×1125 di risoluzione, molto luminoso e reattivo al tocco delle dita. Il suo SO è il nativo iOS 11.1 e al suo interno monta il processore A11 Bionic con 3GB di RAM e una GPU tre core ottimizzata per la realtà aumentata.

Ormai lo smartphone è diventato uno strumento di lavoro a tutti gli effetti, per questo è importante scegliere un modello adeguato, che sappia rispondere con prontezza e rapidità alle necessità di un uso intensivo quotidiano.

Commenti