Sito web di notizie tecnologiche e videogames.

#deletefacebook, l’hashtag del momento

Engadget
18

Lo scandalo di Cambridge Analytica si sta espandendo a macchia d’olio, così come l’hashtag #deletefacebook condiviso anche dal co-fondatore di Whatsapp.

#deletefacebook, l’hashtag del momento

In questi giorni non si parla d’altro ai notiziari, lo scandalo che ha colpito Facebook coinvolge varie personalità di spicco, tra cui il fondatore del social network, Mark Zuckerberg e Steve Bannon, l’ormai ex stratega di Donald Trump.

Le accuse al social più diffuso al mondo stanno arrivando da ogni dove, con una soluzione unanime: cancellare il proprio profilo e tutti i dati associati. A questo proposito è nato l’hashtag #deletefacebook, fatto circolare da utenti comuni ma anche da personalità di spicco. Proprio con un semplice tweet il co-fondatore di Whatsapp, Brian Acton, si accoda alla massa e espone il personale consiglio ai propri followers:

Ciò che rende il messaggio di Acton ancora più interessante è il fatto di aver incassato proprio da Facebook 19 miliardi di dollari tramite la vendita di Whatsapp. Nonostante questo, ha continuato a dare il proprio contributo all’app di messaggistica, fino a settembre 2017.

Brian giusto il mese scorso ha presentato insieme a Moxie Marlinspike la Signal Foundation, che supporta l’app di messaggistica Signal. La compagnia ha ricevuto un finanziamento iniziale di 50 milioni di dollari da Acton, che condivide l’obiettivo aziendale di creare una tecnologia di privacy open source che tuteli la liberà di parola e permetta di comunicare in sicurezza.

#deletefacebook, l'hashtag del momento
9to5Mac

Acton continua:

Ognuno di noi merita di essere protetto, abbiamo creato la Signal Foundation proprio per questo. Il nostro piano è di creare una nuova tecnologia no-profit basata sulla privacy e sulla protezione dei dati sensibili di tutti.

È proprio in queste dichiarazioni che possiamo intuire il disaccordo con Facebook, alla luce di Cambridge Analytica.

Dal momento in cui Christopher Wylie ha divulgato i dati sullo scandalo al New York Times e all’Observer, il valore di Facebook in borsa è sceso di oltre 40 miliardi di dollari. Secondo il report della BBC, le azioni hanno chiuso in negativo del 2.6% e i dati futuri non saranno sicuramente confortanti.

via Alphr
Commenti