Sito web di notizie tecnologiche e videogames.

Tablet Android: un lontano ricordo

Tablet - CC0
7

Che i tablet siano stati prodotti di successo è opinabile. Non è invece altrettanto opinabile la supremazia dei sistemi operativi Apple e Microsoft in campo.

Sarà a causa delle case produttrici che non ci hanno dato particolare importanza, ma i tablet android lanciati sul mercato finora non hanno certamente mai lasciato a bocca aperta nessuno. In queste giornate tuttavia è emersa una sorta di risposta da parte di Big G.

Chrome OS

Chrome OS, come molti sapranno, è un sistema operativo che da qualche anno Google sta sviluppando, ma che finora è stato implementato solo da notebook economici. C’è da dire tra l’altro che non aveva da offrire molte funzionalità, anzi, fino a poco fa era una piattaforma molto limitata.

Le applicazioni che si potevano scaricare erano le stesse presenti sullo store di Chrome. Capirete quindi che il repertorio, per quanto ampio, non è molto allettante. Inoltre, per utilizzare a pieno le funzionalità del sistema operativo made in Mountain View era necessario essere costantemente connessi alla rete.

Tablet Android: un lontano ricordo
Vista di Chrome OS – CC0

Insomma, finché una persona ha la necessità di utilizzare esclusivamente piattaforme online risultava sicuramente un ottimo sistema, soprattutto per le ottime performance anche con hardware mediocri.

Capirete però che programmatori, videogiocatori, grafici e per certi aspetti anche semplici impiegati, nonostante i diversi utilizzi delle macchine, si ritrovavano perfettamente d’accordo su una cosa. Chrome OS non faceva per loro.

Nonostante Google andasse mangiandosi in questa maniera una fetta importante del mercato, è riuscita in compenso a recuperare utenti da altri settori, come quello dell’educazione.

Nuova svolta, nuova chiave di lettura

Di recente però qualcosa si è mosso: è stata aggiunta la compatibilità per le app Android. E fin qui ognuno avrebbe pensato che Google cercava semplicemente di espandere il target degli utenti. Tuttavia, a seguito di alcune notizie emerse negli ultimi giorni, questa mossa va letta sotto un’altra chiave.

Con la versione 64 del sistema operativo di Google sono state introdotte alcune funzionalità interessanti, che a priva vista parrebbero tablet-oriented. Sono state infatti aggiunte features come lo split screen dalla vista multitasking ed altre già presenti su Android, l’altro sistema operativo di Big G.

Tablet Android: un lontano ricordo
Chromebook Acer – CC0

Certo, potrebbero semplicemente essere modifiche utili agli utenti di dispositivi 2 in 1. Chrome OS viene tra l’altro ampiamente adottato anche su dispositivi convertibili di fascia economica. Ciò non toglie che potrebbe diventare un sistema operativo ibrido, cross-platform.

Tra l’altro Google è alla ricerca di un sistema operativo multi piattaforma, come abbiamo visto in un precedente articolo riguardo lo sviluppo di Fuchsia OS. Ciononostante nulla toglie il fatto che l’adozione di Chrome OS da parte di tablet è ancora un’ipotesi, nulla di completamente certo.

L’unica cosa certa è che attualmente, tra nuove release di Android, lo sviluppo di Fuchsia OS e queste ultime notizie la situazione è alquanto confusa. Staremo dunque a vedere le prossime mosse di Google.

fonte theverge.com
Commenti