Sito web di notizie tecnologiche e videogames.

Embr Wave, il termostato 2.0 per il corpo.

2

Vi siete mai sentiti a disagio per via della temperatura che si percepisce in una stanza? Bene Embr Wave cercherà di farvi sentire meglio. Noi di TheZine.it vi spieghiamo come.

Embr Wave, innovazione a portata di…polso.

Vi sarete sentiti accaldati o infreddoliti e non trovare una soluzione in modo che il vostro corpo riesca a ritrovare un equilibrio termico. Bene Embr Wave vi donerà quel sollievo che stavate cercando. Si tratta di un dispositivo che va portato al polso e a richiesta emana un onda calda o fredda a seconda dell’esigenza.

No, non è fantascienza, è realtà. Tra pochi giorni si concluderà la loro campagna su Kickstarter e da fine anno chi ha già prenotato l’apparecchio lo porta provare. Vi starete chiedendo come possa funzionare un oggetto del genere, ora ve lo spieghiamo.

Embr Wave, il termostato 2.0 per il corpo.

Come Funziona?

Embr Wave è dotato di termoreattori che ”leggono” lo stato termico della nostra pelle e su richiesta potete decidere di fargli emettere un onda calda o fredda. Ora penserete che un onda emessa solo vicino al polso serva a poco e niente. Beh non è proprio cosi perchè la sensazione di calore o freddo che viene registrata dal cervello vicino al polso viene estesa a tutto il corpo. E’ molto simile a quando mettete le mani intorno ad una tazza bollente e trovate immediato sollievo dal freddo.

Embr Wave, il termostato 2.0 per il corpo.

Questo dispositivo è ricaricabile e con una ricarica si riesce a fare almeno 25 sessioni. Ci sono 16 livelli di temperatura, da molto freddo a molto caldo. Embr Wave è in acciaio nickel free. Il peso non è eccessivo si aggira intorno ai 30g,  ma le dimensioni sono leggermente ingombranti ma del tutto gestibili dato che non è molto più grosso di uno smartwatch.

A noi di TheZine.it ci è davvero piaciuto molto questo prodotto. Noi speriamo di testarlo presto visto che l’inverno è alle porte, restate però con noi per scoprire con noi le novità e restare sempre sul pezzo.

Commenti