Sito web di notizie tecnologiche e videogames.

Sony A9 – Il sogno di ogni videomaker

7

Sony ha presentato a Londra la sua nuova Sony A9, fotocamera che fa sbarcare definitivamente le mirrorless nel settore professionale.

Il cuore della nuova Sony A9 è il nuovo sensore Exmor RS Full Frame di tipo “stacked”da 24,2 megapixel che rappresentano l’evoluzione dei retroilluminati BSI. Cosa cambia rispetto ad un sensore tradizionale? Normalmente la porzione fotosensibile del sensore ed i circuiti sono collocati all’interno dello stesso substrato. In un sensore “stacked” questo non avviene: i componenti sono posti su substrati separati ed impilati l’uno sull’altro.

Sony A9 - Il sogno di ogni videomaker

Questa soluzione consente di ottenere vari vantaggi quali un maggiore spazio per la parte sensibile alla luce di ciascun pixel e l’integrazione di uno strato di memoria direttamente sul sensore, per una lettura molto più veloce dei dati in arrivo dal sensore. Grazie proprio al processore BIONZ X e al chip di acquisizione LSI, questi componenti rendono la A9 molto più nell’elaborazione dei dati rispetto alle precedenti mirrorless full-frame.

Le specifiche riportano la possibilità di eseguire scatti continui fino a 20 fps e una velocità dell’otturatore di 1/32.000 di secondo. Operare in questa modalità permette inoltre di scattare senza nessun blackout del mirino, come avviene invece sulle reflex e anche sulle mirrorless con l’otturatore meccanico. Il buffer per lo scatto continuo permette di catturare fino a 20 fps con monitoraggio continuo dell’AF/AE per un massimo di 362 immagini in formato JPEG o 241 in formato RAW.

I formati e le risoluzioni supportate sono i seguenti (in PAL):

  • XAVC S Ultra HD: 3840 x 2160(25p, 100M), 3840 x 2160(25p, 60M)
  • XAVC S HD: 1920 x 1080(100p, 100M), 1920 x 1080(100p, 60M), 1920 x 1080(50p, 50M), 1920 x 1080(25p, 50M),
  • AVCHD: 1920 x 1080(50p, 28M, PS), 1920 x 1080(50i, 24M, FX), 1920 x 1080(50i, 17M, FH), 1920 x 1080(25p, 24M, FX), 1920 x 1080(25p, 17M, FH)
  • AVC MP4: 1920 x 1080(50p, 28M), 1920 x 1080(25p, 16M), 1280 x 720(25p, 6M)

Il sistema di messa a fuoco vanta 693 punti AF a rilevamento di fase, capaci di coprire circa il 93% del fotogramma e di fornire una messa a fuoco rapida anche sui soggetti in veloce movimento. Sono presenti anche 25 punti a rilevamento di contrasto che contribuiscono a creare un sistema AF ibrido capace di associare la velocità del rilevamento di fase con la precisione del rilevamento a contrasto. L’otturatore è completamente elettronico e Sony lo descrive come silenzioso e privo di vibrazioni.

Altre caratteristiche dell’A9 sono la stabilizzazione sul sensore a 5 assi e il mirino Quad-VGA OLED Tru-Finder ad alta luminosità e risoluzione con circa 3.686.000 di punti con refresh a 120fps.

Gli utenti possono scegliere la frequenza dei fotogrammi tra 60 e 120 fps.

Troviamo poi la possibilità di scattare a raffica in modalità completamente silenziosa, la possibilità di registrare video 4K Ultra HD (3840 x 2160p) con readout completo del sensore in sovracampionamento (la fotocamera effettua una lettura completa dei pixel per registrare informazioni a risoluzione 6K), un joystick posteriore per posizionare il punto di messa a fuoco, il pulsante AF-ON e la presenza del connettore di rete LAN ethernet.

La dotazione “Si conclude” con l’impugnatura verticale, che può ospitare 2 batterie con possibilità di alimentazione da rete tramite microUSB, un kit adattatore multibatteria esterno, utilizzabile come alimentazione esterna per quattro batterie serie Z e per la ricarica rapida e il caricabatterie a ricarica rapida.

Parlando di batterie Z,Sony utilizza, appunto, la nuova batteria Sony NP-FZ100 con 2,2 volte la capacità dei modelli full-frame precedenti di Sony e offre due slot per supporti di memoria, tra cui uno per schede UHS-II. A livello di sensibilità la macchina sfoggia un intervallo nativo di 100-51.200 ISO, espandibile a 50-204.800 ISO.

La costruzione utilizza un elemento asferico su due lati e offre un ingrandimento 0,78x. È inoltre presente il rivestimento ZEISS T* e un ulteriore rivestimento al fluoro sulla lente esterna. Sul retro è presente uno schermo LCD orientabile (+107° / -41°) da 3″ con touch screen e una risoluzione pari a 1.440.000 punti. 

L’uscita è prevista per giugno: negli Stati Uniti si parla di un listino fissato a 4.500 dollari per il solo corpo macchina e dovrebbe giungere in Europa con un prezzo indicativamente fissato intorno ai 5.000 Euro.

Per non perdervi nessuna news continuate a seguirci su The Zine!

 

Commenti